Compagna clandestina

Leggere è leggere tra le linee. L’interculturalità o è intertestualità o non è: nel duplice senso di cogliere la stratificazione dei significati, i mille testi che stanno acquattati nel testo che leggiamo, e di andare oltre la lettera e la letteralità. Aperti al testo ma non schiavi di esso. Ecco perché la lettura è la nostra compagna clandestina. Ce la portiamo a spalle, in un tascapane, in un doppiofondo, quando varchiamo le frontiere, quando tendiamo una mano, e riceviamo un abbraccio.

Luca Ferrieri, La lettura spiegata a chi non legge, Editrice Bibliografica 2011, pag.178