Occasioni

Il mondo non è fatto tanto di nomi, quanto di verbi. Non consiste solamente di oggetti e di cose; è pieno di occasioni utili, ludiche, avventurose. L’oriolo non vede un ramo, vede un’occasione per appollaiarsi; il gatto non vede l’oggetto da noi definito una scatola vuota, bensì un buon nascondiglio per vedere non visto; l’orso non fiuta il favo, ma l’occasione per mangiarsi una leccornia. Il mondo è tutto un ronzare, uno sbocciare di informazioni, accessibili a tutti, mai negate.

 James Hillman, Il codice dell’anima, Adelphi, 1997   p. 116