Ciò che facciamo

Si tratta insomma di non confondere l’essere col voler essere, riconoscendo che siamo tutti condizionati da qualche cosa, da una città da una cultura da un padre, e che “non è importante ciò che è stato fatto di noi, ma ciò che noi facciamo di ciò che è stato fatto di noi”, come diceva Sartre.

Raffele La Capria, L’armonia perduta, Mondadori, 1986, pag.13.