Negli angoli

Caleidoscopio

Il tubo è di cartone decorato e tenerlo in mano dà una sensazione di calore. Al minimo movimento, proviene dall’interno uno scalpiccio di piccole zampe in fuga, un rotolare di granelli. Impegnativo e faticoso guardarci dentro. Perché tenere un occhio chiuso e l’altro aperto e contemporanemente girare il cilindro con le dita non è cosa agevole per un bambino. Le figure non hanno una varietà infinita; di tanto in tanto, disordinatamente, i pezzetti di vetro colorato compongono disegni già noti e l’osservatore sorride tra sé, soddisfatto del riconoscimento. Un gioco sta nel formare una determinata figura tentando di imprimere ai frammenti uno spostamento piuttosto che un altro; oppure ci si abbandona al caso limitandosi a registrare i ritorni di una certa composizione; oppire si spia negli angoli del tubo per capire dove comincia la realtà degli specchi e finisce l’illusione.

Sandra Petrignani, Il catalogo dei giocattoli, BEAT, 2013, pag. 45

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.