In sostanza

Dunque, ciò verso cui la lettura muove (la lettura è sempre movimento) non è una quiete statica, paradisiaca e spiritualistica, come troppo a lungo ha pensato una visione tradizionale e conservatrice, ma il punto di massimo rallentamento, fin quasi a sembrare fermo, nella velocità. In sostanza, la lettura è l’occhio del ciclone.

Luca Ferrieri, fra l’ultimo libro letto e il primo nuovo da aprire, Olschki, 2013, pag, 137

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.