I poveri

Del resto bisognerebbe intendersi su cosa sia lingua corretta. Le lingue le creano i poveri e poi seguitano a rinnovarle all'infinito. I ricchi le cristallizzano per poter sfottere chi non parla come loro. O per bocciarlo. Scuola di Barbiana, Lettera a una professoressa, Libreria Editrice Fiorentina, 1974, pagg. 18-19.