Altrove

Prima di conoscerti,  non avevo mai trascorso più di due ore con una ragazza senza annoiarmi e farglielo sentire. Quello che mi appassionava con te, era che tu mi facevi accedere a un altro mondo. I valori che avevano dominato la mia infanzia non vi avevano corso. Quel mondo mi incantava. Potevo evadere entrandoci, senza obblighi né appartenenza. Con te ero altrove, in un luogo estraneo, estraneo a me stesso. Mi offrivi l’accesso a una dimensione d’alterità supplementare – a me che ho sempre rifiutato qualsiasi identità e aggiunto, le une alle ltre, identità di cui nessuna era la mia.

André Gorz, Lettera a D. Storia di un amore, Sellerio, 2008, pagg. 23-24

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.