Davanti a un libro

Sono poche le persone che chiedono ai libri ciò che essi possono darci. Più comunemente arriviamo davanti a un libro con idee confuse e contraddittorie; chiedendo al romanzo di essere vero, alla poesia di essere fittizia, alla biografia di essere lusinghiera, alla storia di confermare i nostri pregiudizi. Se riuscissimo a mettere da parte tutti questi preconcetti quando leggiamo, sarebbe già un inizio apprezzabile. Non dettate al vostro autore; cercate di essere tutt’uno con lui. Siate il suo assistente e il suo complice.  Se vi tenete in disparte e avete critiche e riserve sin dall’inizio, vi state negando la possibilità di trarre il massimo da ciò che leggete. Ma se aprite la vostra mente il più che potete, anche i segni e gli accenni più sottili e quasi impercettibili, a partire dal volgersi delle prime frasi, vi porteranno di fronte a un essere umano diverso dagli altri.

Virginia Woolf, Come si legge un libro? e altri saggi, Baldini & Castoldi, 1999, pag. 80

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.