Anticaos

Come mi è sempre piaciuto questo esempio. Un bambino cammina nel buio. E’ tardi, è rimasto fuori a giocare e non si è accorto che veniva buio. Adesso deve fare un po’ di strada a piedi per tornare a casa. Ha paura. Si mette a saltare e a cantare una canzoncina. Riesce a arrivare a casa. Canticchiando e saltellando ( se pesti la riga del marciapiede muori – se non la pesti arrivi a casa salvo, ta-tà, ta-tà, ta-tà) inventi un piccolo centro d’ordine in mezzo alle forze del caos, che ti fa arrivare in salvo. Le forze del caos, la paura, non riescono a mangiarti il cuore. La canzoncina è quel piccolo centro che addensa le forze anticaos.

Ugo Cornia, Buchi, Feltrinelli, 2016, pag. 34

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.