Una mappa

Ciò che chiedevo alla lettura era di allargare la mia conoscenza e definire quello che chiamavo il mio “orientamento”. Questo significava avere nuove idee, che avrebbero funzionato come degli utensili o come delle istruzioni: mi avrebbero fatto sentire meno disperato nel mondo, meno abbandonato, meno bambino. Se avessi conosciuto prima le cose, non mi avrebbero più intimidito, sarei stato preparato, come se mi avessero dato una mappa del futuro.

Hanif Kureishi, Il mio orecchio sul suo cuore, Bompiani, 2004, pag. 10

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.