Fuori c’era la nebbia

COSTRUZIONI

Parallelepipedi, cubi, colonnine, facciate di case nordiche colorate, la torre con l’orologio disegnato. I pezzi erano di legno, leggeri. Le combinazioni poche. Poi venne il Lego, l’idea del mattone e dell’incastro. Ma prima ci si addestrava all’equilibrio di un pezzo sull’altro, si pensavano le città tutte intere, non i singoli palazzi, tanto meno il dettaglio di porte e finestre. Città in cui all’aperto non viveva nessuno, nessuno attraversava la strada. I padri erano presenze domenicali e affettuose, le madri sempre trafelate, preoccupate di sarte e parrucchieri, stritolate tra doveri familiari, uffici a mezza giornata, istruzioni alle cameriere. Fuori c’era la nebbia, e c’era la neve, e un fiume largo con un nome breve. E nella nebbia fari improvvisi di biciclette. E si aspettava l’estate. E non si vedeva l’ora di crescere.

Sandra Petrignani, Il catalogo dei giocattoli, BEAT, 2013, pag. 59

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.