In compagnia dell’uomo

No, noi non vogliamo raggiungere nessuno. Ma vogliamo camminare sempre, notte e giorno, in compagnia dell’uomo, di tutti gli uomini. Si tratta di non allungare la carovana, poiché, allora, ogni fila percepisce appena quella che la precede  e gli uomini non si riconoscono più, si incontrano sempre meno, si parlano sempre meno.

Frantz Fanon, I dannati della terra, Einaudi, 1962, pag. 243

 

2 pensieri su “In compagnia dell’uomo

    • Colgo un accenno di sana misantropia in questo commento 😉 Essendo superselettiva nella scelta dei compagni di cammino (sia concreto che astratto) non posso che essere d’accordo, ma in questa frase di Fanon l’affermazione che la strada maestra dell’umanità deve essere condivisa da tutti ha colpito la mia sensibilità “politica” o forse solo le sue rovine… D’altra parte è un testo scitto nel 1961, per rivendicare le rivoluzioni dei popoli africani contro il colonialismo… roba preistorica!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.