Legami indiretti

Il ritorno delle rondini segna per me ogni anno un passaggio importante, da quando esiste il blog ho sempre dedicato un post a questo evento. Quest’anno le sensazioni sono diverse, come appannate dalla situazione che stiamo vivendo. E tuttavia vale la pena tornare ad aprire un libro bellissimo (qui un post dedicato) in cui le rondini sono una presenza costante, e ritrovare queste parole:

La mia relazione con questi uccelli è a dir poco a senso unico, visto che a loro non importa un fico secco di me. Eppure ci uniscono legami indiretti, anche quando non ce ne accorgiamo, attraverso l’ambiente e i sensi che abbiamo in comune. Anche noi reagiamo all’arrivo della primavera, godiamo del bel tempo e possediamo l’istinto biologico del gioco. In una poesia intitolata, per l’appunto, Le rondini, Ted Hughes parla di come ci si sente al loro ritorno (“Anche quest’anno/ce l’hanno fatta”) e ci dice che questi animali, oltre a essere il simbolo del ciclo annuale delle stagioni, danno la sensazione che tutto, nel mondo, funzioni ancora a dovere.

Richard Mabey, Natura come cura, Einaudi, 2010, pag. 22

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.