Solo uno scalo

Come diceva Virginia Woolf, non appena oltrepassiamo la soglia di una libreria dell'usato ci pervade una sensazione di avventura: a differenza di quelli più o meno addomesticati delle biblioteche e di quelli obbedienti e leccati che ci offre il marketing delle grandi catene, i libri usati sono piuttosto selvatici e non hanno dimora: sebbene accumulino … Leggi tutto Solo uno scalo

Indulgente

Un buon autore avrà sempre paura che il pubblico noti quali pensieri gli sono venuti in mente troppo tardi. Ma in ciò il pubblico è molto più indulgente di quanto si creda, e non si accorge neppure dei pensieri che ci sono. Karl Kraus, Detti e contraddetti, Bompiani, 1989, pagg. 149-50

Chiotti, chiotti

Una cosa che mi riprometto di fare, ma non faccio mai, è imparare una parola nuova al giorno. La lettura del vocabolario mi è sempre piaciuta (passione condivisa da parecchi, tra cui un personaggio di un gran bel romanzo che qui, di sfuggita, consiglio: Quasi tutto velocissimo di Christopher Kloeble, edito da Keller). Oggi ne … Leggi tutto Chiotti, chiotti

Che importa

In quanto lettori, ognuno di noi fa tesoro della propria biblioteca. Ci solleva e ci conforta sapere che al di là di quelle pareti esistono biblioteche pubbliche, municipali, universitarie, nazionali, che immagazzinano centinaia di migliaia di libri, un'immensa conoscenza stampata; ma la nostra cultura personale, al di là delle pareti del nostro cranio, si materializza … Leggi tutto Che importa