Dai piedi

E’ dai piedi che è iniziata la nostra evoluzione. L’aumento di volume del cervello è venuto dopo. Tutto è cominciato da una delle caratteristiche che più hanno influenzato il nostro percorso: la capacità di immaginare. E’ questa che genera la curiosità, se sono curioso vuol dire che posso immaginare qualcosa oltre quello che vedo, oltre la collina che definisce il mio orizzonte, se non ho immaginazione non scatta la curiosità. Confusamente immagino. Non so cosa cerco, ma so quello che ho alle spalle, so cosa lascio e per la prima volta davanti a me ho un orizzonte lontano, è quella lontananza che mi muove, che mi fa mettere avanti quella che ancora è una zampa e presto sarà un piede per superarlo con l’altro, per superarmi, per andare avanti verso la linea netta dell’orizzonte che promette e nasconde,

Maurizio Corrado, L’invenzione della Casa. Storia di una trappola, Primiceri Editore, 2018, pagg. 22-23

Un pensiero su “Dai piedi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.