Meditazione

Faremmo bene a renderci conto che la nostra meditazione dovrà essere principalmente il lavoro che faremo con le nostre mani. Non possiamo avere un 25 per cento della popolazione che va a fare il monaco a spese di tutti gli altri come in Tibet: una cosa del genere è possibile solo in una struttura di classe, è un sottoprodotto dello sfruttamento. Meditare un’ora al giorno non lo è. Se si medita dieci ore al giorno, vuol dire che c’è qualcun altro che produce il cibo: per qualche soggetto eccezionale può anche andare, ma non possiamo farlo tutti per tutta la vita senza che ci sia qualcuno che rinuncia alla sua meditazione per far meditare noi.

Gary Snyder, La grana delle cose, Edizioni e/o, 1996, pagg. 27-28

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.