Fróffli

La nèiva

Stasèira

ò vòia d’arcurdè

l’udòur dla nèiva

e al préim fróffli

inzèrti te zil

cumè di gazótt furístir

ch’i vén ènca da néun.

 

La neve.  Stasera | mi punge un ricordo: | l’odore della neve. | E i primi fiocchi | incerti nel cielo | come uccelli forestieri | giunti anche da noi.

Nino Pedretti, Al vòusi e altre poesie in dialetto romagnolo, Einaudi, 2007, pag. 122.

 


Un pensiero su “Fróffli

  1. parole semplici e toccanti
    (a vederli scritti i dialetti si assomigliano tutti perchè manca l’inflessione della voce che strascica o restringe le parole. I primi versi li avevo scambiati per piemontese!)
    ml

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.