Tremendo rifiuto del mondo

Il mondo occidentale sta diventando sempre più dominato dal fanatismo del far tutto nuovo di zecca, per cancellare le tracce del tempo. Questo fanatismo consiste nel trattare tutto come un prodotto di consumo da gettare via appena è vecchio, oppure da sostituire con un modello tecnologico più avanzato. ... Per l'uomo moderno la vecchiaia e … Leggi tutto Tremendo rifiuto del mondo

Annunci

Nell’immenso universo

Il detenuto Da Ponte era in prigione da otto anni per aver spaccato la testa a un carabiniere, quando gli era venuta l'idea di scrivere il poema pastorale della sua infanzia. Perché lui era cresciuto in campagna e quello che era pastorale lo conosceva benissimo. E quando sentiva venir giù la pioggia là fuori, si … Leggi tutto Nell’immenso universo

Penombra grigia

Correva fuori dal condominio pieno di suoni grigi da depressione, e andava a vagare per viuzze nascoste, dietro una chiesa uguale a quella che frequentava da bambina. Camminare, camminare e basta, non pensare più agli uomini, non pensare più alla polvere. Muovere i piedi per smaltire il groppo che si ha in gola, per dimenticarsi … Leggi tutto Penombra grigia

Voli di testa

In questi nostri lavori di scrivere e di pensare bisogna prima di tutto liberarsi dalle sovrastrutture, cioè dalle tendenze a farli passare per accettabili da tutti. Perchè in realtà nessun libro è accettabile da tutti. I nostri sono lavori che hanno a che fare con gli stati del corpo, con le voglie più indecorose, e … Leggi tutto Voli di testa

Un filo elettrico

La letteratura non è fatta di oggetti pronti ad essere consultati per informarsi su come si scrive. La letteratura è un punto d'incontro del pensiero di popolazioni: qualcosa come l'intelletto universale di cui parlava Averroè, commentando Aristotele. E' quel punto o luogo trascendentale attraverso cui gli uomini si intendono per mezzo di immagini nella loro … Leggi tutto Un filo elettrico

Noia assoluta

Essere al mondo vuol dire compiere proiezioni immaginative e creare campi affettivi in tutto quello che ci circonda. Ma negli ultimi anni è subentrato una specie di oscurantismo, per cui tutto diventa un culto dell'attualità, la quale a sua volta diventa il culto dell'acquistabilità immediata. Quello che si profila è un mondo della noia assoluta, … Leggi tutto Noia assoluta

Sparizione

Le parole non servono per rappresentare il mondo esterno con descrizioni più o meno convincenti – come se il mondo fosse un oggetto naturale inerte, sempre uguale a se stesso. Le parole ci servono per chiamare le cose, per distinguere il loro uso, per figurarci il loro tono affettivo negli insiemi particolari, attraverso rapporti immaginativi, … Leggi tutto Sparizione

Contentezza

Se tu prendi una narrazione come un oggetto ben determinato, chiuso nei limiti della pagina scritta, sarai sempre ossessionato dall'incombenza del profitto, delle vendite, del pubblico. Se invece tu prendi una narrazione non come un oggetto determinato, ma come un evento – qualcosa che accade, come una ventosità che passa da una testa all'altra... ecco... … Leggi tutto Contentezza