Opaco e fuggitivo

Tempo perduto ed ombre da cercare, immateriali e vane sotto il vetro della memoria spastica, il cui metro s'allunga a dismisura per trovare; tempo futuro tutto da scontare, che remeando gli anni guarda indietro nel sogno di corregger ciò che tetro avvolge in sue catene e cielo e mare; tempo presente, opaco e fuggitivo che … Leggi tutto Opaco e fuggitivo

Particole di anima

Nacqui hieme ineunte. Poi, ragazzino, incominciai a trasferire particole di anima nei libri che leggevo, fino a dislocarvela compiutamente: in questo modo potevo circolare nel mondo come un insensibile golem senza patir troppi danni, e quando mi prendeva vaghezza di recuperare un po' della mia anima andavo a cercarmela là dove l'avevo nascosta, nei libri: … Leggi tutto Particole di anima

Burocratico usbergo

Perché a un architetto, prima di lasciarlo libero di folleggiare, si chiede di padroneggiare l'architettura di Vitruvio aggiuntavi quella di Le Corbusier, perché a un compositore si chiede la tecnica di Bach e poi quella di Schönberg prima di riconoscergli il diritto di inventare qualsiasi cosa, perché Picasso prima di disegnare una faccia con due … Leggi tutto Burocratico usbergo

Confonderli tutti

C'erano una volta otto scrittori che erano lo stesso scrittore. Tutti scrivevano del mare e delle sue tremende avventure, tutti usavano parole meravigliose come bastingaggio e bompresso, tutti conoscevano la geografia più lontana, i venti, le faune, le flore, le costellazioni, il computo della posizione, da quella conoscenza ricavando profondissimi affanni; mi facevano ardere della … Leggi tutto Confonderli tutti

Sanguinosa

Michele Mari, Tu, sanguinosa infanzia, Einaudi, 2007. Devo scrivere di questo libro già da un po', voglio assolutamente consigliarne la lettura ma mi riesce difficile parlarne perché mi ha molto emozionato. Ma proviamoci... Quindi eccola, questa fulminante raccolta di racconti di Michele Mari, autore contemporaneo tra i più grandi: racconti legati agli anni dell'infanzia e … Leggi tutto Sanguinosa