La molla del cuore

E ci innamoriamo ancora una volta e ancora scatta la molla del cuore e l'intesa fra regni con musi con pietre con ali sappiamo la melodia sottesa come l'idiota che ride al centro della festa anche noi fatti nota riverberante. Fra tante. Fra tante. Mariangela Gualtieri, Bestia di gioia, Einaudi, 2010, pag. 20

Annunci

Subbuglio

Qualche giorno fa ho pubblicato una poesia di Toti Scialoja. Il volume da cui l'ho tratta è ricco di immagini ma scarno per quanto riguarda i testi, allora ho fatto ricorso alla benemerita Sala Borsa dove ho recuperato la raccolta completa di queste poesie che  trovo divertenti, intelligenti e corroboranti. Ho scoperto così che risalgono … Leggi tutto Subbuglio

Già

Stamattina un bell' acquerello di Le Pastel Bleu mi offre l'occasione di condividere un'altra poesia di Giorgio Caproni, poeta che sto scoprendo ora e che mi piace molto: Le parole Le parole. Già. Dissolvono l'oggetto. Come la nebbia gli alberi, il fiume: il traghetto Giorgio Caproni, L'opera in versi, Mondadoti, 1998, pag. 460

E tu

Come uomini si dividono i fiori in prodighi e avari. Tra i generosi la rosa. Fiorisce e rifiorisce e ti colora. La Colibrì è arancio, la Snow Carpet è bianca. E tu bello mio, di che colore sarai? Vivian Lamarque, inedito, in Elogio della Rosa, Da Archiloco ai poeti d'oggi, Einaudi, 2002, pag. 173

Comfort book

Ed ecco, ci son giornate come oggi che c'è caldo ma non troppo, il cielo è azzurro come a Bologna succede solo ai primi di giugno e poi  per mesi ce lo dimentichiamo,  ci sarebbe tempo e modo di fare un sacco di cose rimandate per settimane e invece non le faccio, perché un malumore … Leggi tutto Comfort book

Una rosa

Concessione Buttate pure via ogni opera in versi o in prosa. Nessuno è mai riuscito a dire cos'è, nella sua essenza, una rosa. Giorgio Caproni, Res amissa, Garzanti, 1991, pag. 79

Alla meta

Come schedarla, la piccola rosa, rosso viva e improvvisa e giovane e vicina? Non eravamo venuti a cercarla. Siamo venuti e c'era. Nessuno l'aspettava prima che fosse qui. Quando ci fu la credettero appena. Viene alla meta chi non è partito. Quasi sempre è così. Bertolt Brecht, traduzione di Franco Fortini, in Versi scelti 1939-1989, … Leggi tutto Alla meta