Non abbiamo visto niente

Non ci sono più eventi al di fuori di quelli mediatizzati. L’espressione “evento mediatico” è un pleonasmo. Anche quando non siamo d’accordo con questo o quel commentatore, anche se abbiamo reazioni “personali” davanti ai fatti del mondo, noi crediamo di conoscerlo questo mondo e i suoi attori, Abbiamo una familiarità sempre più grande con lo stato del mondo, e l’evidenza delle immagini ci fa dimenticare che in realtà non abbiamo visto niente, che sappiamo poco e lo sappiamo male. Alla stessa stregua, crediamo di conoscere le persone che ci governano perché ne riconosciamo l’immagine. L’effetto perverso dei media, indipendentemente dalla qualità e dalle intenzioni di chi li dirige, sta nel fatto che ci insegnano a riconoscere, ovvero a credere di conoscere e non a conoscere o ad apprendere.

Marc Augé, Che fine ha fatto il futuro?, Eleuthera, 2009, pag. 39

2 pensieri su “Non abbiamo visto niente

    • Il sottotitolo del libriccino (110 pagine) è “dai nonluoghi al nontempo” e riassume bene i temi trattati, dalla globalizzazione all’antropologia del quotidiano cui Augé ci ha abituato. Scritto 13 anni fa, ma attualissimo; uno di quei libri che sembrano avvicinarsi a sfiorare l’essenza dell’inquietudine di questi temp(acc)i che viviamo.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.